ANGLICANI

Posted: December 20th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Il Sinodo generale della Chiesa d’Inghilterra ha dato in novembre la sua approvazione formale alle donne vescovo. Formale, perché quella sostanziale l’ha già data il Parlamento (da cui la Chiesa anglicana dipende dai tempi di Enrico VIII) il mese prima. I papisti ringraziano.


FRANCESCO

Posted: December 16th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Per i fans di papa Francesco, ecco un libro da non perdere: «Papa Francesco, nostro fratello, nostro amico» (Gribaudi), edizione italiana a cura di Marco Respinti, che firma anche la prefazione. Si tratta di interviste fatte da Alejandro Bermudez a una ventina di personaggi che hanno conosciuto e conoscono bene papa Bergoglio.


MAFIE

Posted: December 13th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Leggendo il commento di Andrea Zambrano («La Nuova Bussola Quotidiana», 3.12.14) a una presentazione del libro di Antonio Nicaso e Nicola Gratteri (“Acquasantissima”, sulla religiosità dei mafiosi) a Correggio nel reggiano, mi sono imbattuto nella frase, pare detta da Nicasio alla platea: «Vi siete mai chiesti perché la mafia si è radicata in un Paese cattolico e non nei Paesi protestanti?». Zambrano fa osservare che, viste le presentazioni in giro per il Paese, l’insinuazione può anche essere una teoria. Al di là delle opinioni teologiche dell’autore, comunque, l’Italia non è certo l’unico posto cattolico al mondo. Spagna, Portogallo, Belgio e Francia, per esempio, non hanno “mafie”, nemmeno la Polonia, la Croazia, l’Austria, la Baviera, l’Irlanda etc. Invece ne hanno la Russia post-sovietica, il Giappone e la Cina. Questi ultimi due ce l’hanno pure più antica e “religiosa”, rispettivamente la Yakuza e le Triadi. Negli Usa, quand’erano «protestanti», ce n’era anche una ebraica. Oltre a un fiorente Ku Klux Klan nel protestantissimo Sud.


RAHNER

Posted: December 12th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Ricorda Stefano Fontana su «La Nuova Bussola Quotidiana» il 15 novembre 2014: «È rimasta famosa una inchiesta tra gli studenti della Lateranense subito dopo il Concilio. Alla domanda «Chi è il principale teologo cattolico di tutti i tempi?», gli studenti non risposero né Sant’Agostino, né San Tommaso d’Aquino, ma Karl Rahner». Quegli studenti crebbero, diversi fecero carriera (ecclesiastica).


GIORNALI

Posted: December 8th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Secondo Mediobanca, i maggiori giornali italiani negli ultimi cinque anni hanno perso 1,8 miliardi di euro. Calo del venduto e della raccolta pubblicitaria. Ma allora, perché i loro editori insistono a finanziare aziende in costante perdita? Perché il gioco vale la candela. Controllare l’informazione significa poter orientare l’opinione pubblica, dalla quale dipende la politica. Et voilà.


DIALOGO

Posted: December 6th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Il 28 novembre 2014 in Nigeria due kamikaze di Boko Haram si sono fatti esplodere nella Grande Moschea di Kano. 120 morti e 270 feriti. Un quindicina di guerriglieri hanno poi sparato su quelli che scappavano. Quattro sono stati acciuffati e linciati su due piedi. In quella moschea l’emiro Lamido Sanusi aveva condannato Boko Haram e, anzi, aveva esortato i fedeli a reagire in armi. Da qui la vendetta. Ho letto su Zenit.org il commento del Cardinale Jean-Louis Tauran, presidente del Pontificio Consiglio per il Dialogo Interreligioso, ai microfoni di RadioVaticana: «Quanto più la situazione è drammatica, tanto più il dialogo s’impone» -ha rimarcato- «non ci sono alternative: solo il dialogo, il dialogo, il dialogo!». Giusto. Ma con chi?


MDPR

Posted: December 4th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

L’amico Mauro Della Porta Raffo, grande esperto di storia americana, mi ricorda che delle tredici colonie che diedero vita agli Stati Uniti (le ricordano le tredici strisce orizzontali della bandiera) solo tre (Rhode Island, Maryland e Pennsylvania) non vietavano l’esercizio della religione cattolica.
Oggi il cattolicesimo è percentualmente la religione più rappresentata negli Usa.


SMS

Posted: November 30th, 2014 | Author: | Filed under: Antidoti | Tags: |

Se volete vedere il grado di rimbambimento a cui Steve Jobs e compagnia elettronica hanno ridotto l’umanità non dovete fare altro che salire sul metrò. Tutti i passeggeri –diconsi tutti- sono intenti a lavorare di pollici sul telefonino. Alle fermate continuano mentre scendono, mentre salgono le scale per uscire, talvolta si fermano nel bel mezzo del viavai e bloccano chi vuol superarli. Smessaggiano per strada, ai semafori, sulle strisce pedonali, camminando come sonnambuli con gli occhi fissi allo schermo. Non di rado si incontra (a Milano, almeno) una mannequin che di telefonini ne consulta due, uno per mano, mentre al braccio destro regge la borsa e al sinistro il guinzaglio multiplo di tre cagnetti. In una metropoli in cui il suicidio e/o omicidio per solitudine e/o abbandono è frequentissimo ci si aspetterebbe che, almeno sui mezzi pubblici, la gente scambiasse due parole col vicino di sedile, magari facesse amicizia. Invece no: regna l’autismo informatico. «Be fool!», era l’augurio del Genio della Mela. Infatti.