MOZAMBICO

Anna Bono, esperta di cose africane, ha scritto (dopo aver parlato dei sacrifici umani, diffusissimi in tutto il continente): «Ma proprio in Mozambico intanto si è diffusa una nuova credenza secondo la quale la testa degli uomini calvi contiene dell’oro che gli stregoni sono in grado di estrarre. Le prime tre vittime, trovate decapitate, risalgono a maggio. Altri tre uomini calvi sono stati uccisi a giugno. A fine luglio in un cimitero sono stati riesumati e trafugati cinque cadaveri di uomini calvi. Secondo le autorità mozambicane a commissionare gli omicidi sono degli stregoni stranieri, quasi tutti residenti in Malawi, Tanzania e nella regione dei Grandi Laghi» (La Nuova Bussola Quotidiana, 3.11.17).

NAHED

Letto sulla newletter “Une minute avec Marie”. L’egiziana Nahed Mahmoud Metwalli, musulmana, si divertiva a dileggiare e tormentare i cristiani nella scuola in cui lavorava. Un giorno, di colpo le apparve la Madonna velata di blu. La stessa notte fu la volta di Cristo, che le preannunciò una missione. La donna, sconvolta, capitolò e nel 1988 si fece battezzare. Naturalmente, dovette scappare dall’Egitto. Oggi vive in Olanda. La sua esperienza è diventata un libro, tradotto dall’arabo in francese: “Ma rencontre avec le Christ”.

DESTRA-SINISTRA

Ricevo&rilancio:

– Quando un tipo di destra non è cacciatore e non gli piacciono le armi, non va a caccia e non compra armi.
– Quando un tipo di sinistra non è cacciatore e non gli piacciono le armi, chiede che sia proibita la caccia e la vendita di armi.

– Quando un tipo di destra è vegetariano, non mangia carne.
– Quando un tipo di sinistra è vegetariano, fa una campagna contro gli alimenti di carne e gli piacerebbe che si proibisse di mangiare carne.

– Quando un tipo di destra è omosessuale, cerca di fare una vita normale.
– Quando un un tipo di sinistra è omosessuale, fa apologia dell’omosessualità, va alle manifestazioni “gay pride” e accusa di “omofobia” tutti quelli che non la pensano come lui.

– Quando uno di destra perde il lavoro, pensa a come uscire dalla situazione e fa di tutto per trovare un nuovo lavoro.
– Quando uno di sinistra perde il lavoro, va a lamentarsi col sindacato, spende fino all’ultimo giorno e va a tutte le manifestazioni e scioperi contro la destra e contro gli imprenditori.

– Quando a un tipo di destra non piace un programma televisivo, cambia canale o spegne il televisore.
– Quando a un tipo di sinistra non piace un programma televisivo, se ne lamenta coi giornali, lo denuncia sui quotidiani, alle radio, alle televisioni, ai partiti politici di sinistra e promuove un’associazione perché chiudano il canale televisivo che trasmette quel programma.

– Quando un tipo di destra è ateo, non va in Chiesa.
– Quando uno di sinistra è ateo, perseguita tutti quelli che credono in Dio, denuncia la scuola o l’istituzione che esponga un crocifisso, protesta contro ogni segno di identità religiosa, chiede che si esproprino i beni della Chiesa, che si proibisca la settimana Santa e ogni processione o pellegrinaggio (contro l’Islam non fa niente perché non ne ha il coraggio).

– Quando uno di destra ha problemi economici, cerca il modo di lavorare e di guadagnare di più o cerca di trovare un finanziamento per pagare i propri debiti, e, se può, risparmia.
– Quando un tipo di sinistra ha problemi economici ne dà la colpa alla destra, agli imprenditori, alla borghesia, al capitalismo, ai neoconservatori ecc. ecc., poi si mette in un sindacato sperando che lo infili poi in un partito politico o dove si riesca.

– Quando un tipo di destra legge questo scritto, ride e lo manda per mail ai suoi amici.
– Quando un tipo di sinistra legge questo scritto, si infuria e dà del fascista e del retrogrado a chi l’ha scritto e glielo ha mandato.

… io ho riso e l’ho girato….

►►► Le ultime novità in libreria di Rino Cammilleri.

MORTECEREBRALE?

«Pochi giorni fa, è rimbalzata sulla scena mediatica e, ahimè, rapidamente scomparsa, la notizia, giudicata da tutti come sensazionale, relativa ai risultati ottenuti da una neuroscienziata italiana operante in Francia, con un paziente in stato vegetativo “irreversibile”. La dottoressa in questione, Angela Sirigu, direttrice di ricerca all’Istituto di Scienze cognitive Marc Jeannerod del Centro nazionale di ricerca scientifica (Cnrs) di Lione, è riuscita, infatti, servendosi di elettrostimolazioni applicate al nervo vago per un intero mese, a fare recuperare la coscienza ad un paziente in stato vegetativo giudicato “irreversibile” da ben 15 anni. Da precisare che, al fine di rendere particolarmente significativo l’esperimento, il paziente sia stato scelto proprio per la gravità delle sue condizioni e per il fatto di non aver mai manifestato, dal giorno dell’incidente, alcuna forma di miglioramento» (Roberto Fantini, Flipnews.org, 18.10.2017).

►►► Le ultime novità in libreria di Rino Cammilleri.

REFERENDUM

Letto su tutti i giornali (tutti) che al referendum «lombardo» del 22 ottobre 2017 non serve la scheda elettorale perché “elettronico”, mi presento con la sola carta d’identità. Sì, ma in quale seggio? Nella scuola elementare adibita alla consultazione ce ne sono decine, uno per aula, su due piani. Lei dove deve andare? Non lo so. Non ha la scheda? No, perché sui giornali (tutti) c’era scritto che non serviva. Ovviamente, nessun giornale ha riportato che la scheda è essenziale non per la validità del voto ma per sapere in quale delle decine di cabine uno deve infilarsi. Eggià, tutti i redattori (tutti) si sono limitati a copiare il lancio di agenzia. Dopo aver debitamente spento il cervello.

►►► Le ultime novità in libreria di Rino Cammilleri.

MEOPATACCA

Sul «Timone» n. 166, Andrea Sciffo ci informa che la famosa maschera romanesca della commedia dell’arte, Meo Patacca, nacque nel 1685 dalla fantasia del poeta Giuseppe Berneri. Meo era uno «sgherro» che, raccolti i denari -tramite una colletta- con cui partecipare alla liberazione di Vienna dai turchi nel 1683, non era ancora partito quando apprese che i cristiani avevano già vinto. Così, anziché restituire i soldi, li spese in feste e bevute celebrative.

►►► Le ultime novità in libreria di Rino Cammilleri.