Antidoti

FOLLOWERS

«-14mila followers dopo che abbiamo mostrato il nostro “pride”. Grazie». Tradotta dall’inglese suona suppergiù così la scritta sulla foto della Diesel. Con questo post su Instagram la ditta di abbigliamento praticamente dice «grazie di esservene andati» a quelli che non hanno apprezzato la sua posizione pro-Lgbt a livello mondiale. Avrà fatto i suoi conti…

TEOLOGIA

«Risulta evidente, infatti, contrariamente alle parole d’ordine che, ancora oggi, si fanno circolare anche nel mondo cattolico sul conto della teologia della liberazione, che: non si trattava di un fenomeno religioso spontaneo, perché, se così fosse stato, sarebbe stato diverso da paese a paese ed avrebbe assunto caratteristiche diverse le une dalle altre a seconda delle situazioni politiche, economiche e sociali locali; non nasceva da esigenze religiose e spirituali della cosiddetta base, in quanto la diffusione contemporanea, simultanea ed “a comando” di certi slogan e di certi leit-motiv univoci presupponeva, viceversa, una rete capillare di operatori pastorali, di attivisti, di organizzazioni e di mezzi finanziari di notevole entità; non attecchì, esclusivamente in zone agricole e tra le popolazioni indie o sottosviluppate, ma viceversa con più virulenza nelle periferie dei grossi centri urbani, tra il proletariato più sindacalizzato e politicizzato» (Riccardo Pedrizzi, Formiche.net , 14.7.19).

OSTILITA’

“Un’ostilità certo diffusa anche in Italia un po’ per ragioni ideologiche e un po’ perchè la politica dei “porti chiusi” del ministro Matteo Salvini funziona così bene che il business delle coop e Caritas sta andando a rotoli dopo anni di vacche grasse garantite dai governi di centro-sinistra” (Gianandrea Gaiani, LaNuovaBussolaQuotidiana, 14.7.19).

FATIMA

Il 13 luglio 1917 la Madonna a Fatima mostrò ai pastorelli l’Inferno, poi, tra le altre cose, disse anche: «Ma se gli uomini non smetteranno di offendere Dio, sotto il regno di Pio XI comincerà una guerra ancora peggiore. Quando vedrete un cielo notturno illuminato da una luce sconosciuta sappiate che è il grande segno che Dio vi dà per avvertire che punirà il mondo per i suoi crimini attraverso la guerra, la carestia e le persecuzioni contro la Chiesa e il Santo Padre». Le ultime parole mi hanno sempre lasciato perplesso. Se Dio intendeva punire il mondo per i suoi crimini, che c’entravano le persecuzioni alla Chiesa e al papa? Si puniscono i cattivi, mica i buoni. O no? Boh.

SVERSAMENTO

«La raffineria di Banyas si trova sulla costa mediterranea siriana in un’area iper controllata, una quarantina di chilometri a sud c’è la base navale russa di Tartus e a nord quella aerea di Latakia. È di proprietà dallo Stato ed è posta sotto sanzioni dall’Ue. Il 22 giugno la raffineria è stata luogo di un fatto misterioso: mentre un’altra petroliera iraniana, la “Stark I” (che il 12 maggio aveva caricato greggio sull’isola di Larak, distributore iraniano davanti a Hormuz, e poi ha risalito Suez col trasponder spento) era in fase di scarico, le condotte sottomarine che collegano il terminal siriano alle navi si sono rotte. Secondo le dichiarazioni dei funzionari locali si è trattato di un sabotaggio: ordigni esplosivi hanno spaccato le tubazioni e prodotto uno sversamento in mare del petrolio. Un’operazione che il vice capo della compagnia siriana per il trasporto del petrolio ha definito “professionale”. La rottura delle condotte ha prodotto un danno che ha portato la raffineria a bloccare le attività per diversi giorni successivi. Non ci sono colpevoli, e come nel caso delle petroliere colpite davanti all’Oman e agli Emirati, si tratta di missioni a plausible deniability. In quelle zone ci sono incursori di diversi attori in grado di compiere certe operazioni». (Emanuele Rossi, Formiche.net, 5.6.19). Qualcuno lo dica a Greta.

ARTIGIANI

Nella casa sul Lago Maggiore che ho da una decina d’anni il mio incubo peggiore sono gli artigiani. Se si rompe qualcosa, di qualsiasi natura, o non rispondono al telefono, o ti danno appuntamenti che non hanno alcuna intenzione di rispettare, né ti avvisano che non verranno. L’unico corretto è il giardiniere. Infatti, è l’unico che vedo sempre a messa. Gli altri, evidentemente, sono tutti ricchi. Li segnalo perciò al M5S: carichino loro di tasse, tanto i soldi li hanno.