MEDICI

«Sono tanti i modi di rendere difficile la vita ai cristiani nei paesi in cui sono una minoranza mal tollerata. In Pakistan uno studente cristiano, Kamran Safdar, è stato scavalcato per il secondo anno al test di accesso alla facoltà di medicina da candidati musulmani Hafitz-e-Quran, “memorizzatori del Corano”. Per legge infatti agli Hafitz-e-Quran viene attribuito il massimo del punteggio a prescindere dalla loro preparazione effettiva» (A. Bono, Lnbq, 7.6.20).

MARSIGLIESE

«La Marseillaise non “fu composta da un semplice ufficiale come Claude-Joseph Rouget de Lisle” (cui nel 1792 era stato commissionato dal sindaco di Strasburgo un ‘canto di guerra’ per l’armata del Reno). In realtà Rouget de Lisle è l’autore delle parole, ma la musica è indubitabilmente di un violinista e compositore vercellese, Giovan Battista Viotti (1755-1824). Viotti visse diversi anni a Parigi, musicista di corte e amico della regina Maria Antonietta. Nel 1781 compose “Tema e variazioni in do maggiore”: chi ascolta il deliziosissimo brano immediatamente lo riconosce come Marseillaise per violino e orchestra. Secondo la vulgata Rouget de Lisle avrebbe scritto e musicato il brano in una notte…e tuttavia è assodato che non ne firmò lo spartito…» (Giuseppe Rusconi, Rossoporpora.org, 5.5.20).

RACHIDA

«Una risposta da parte di certi imam e militanti sarebbe opportuna, oltre che gradita. Dov’erano costoro quando Rachida Radi è stata uccisa a Brescello, nel novembre del 2011, per essersi convertita al cristianesimo? Si nascondevano forse nella mano assassina del marito-padrone, nella complicità della componente radicale della comunità islamica locale, nel vuoto dell’obitorio durato oltre 50 giorni? La polizia ha dovuto interpellare la sottoscritta, insieme all’associazione ACMID, per organizzare il ritiro della salma e la sua consegna ai genitori fatti arrivare appositamente dal Marocco» (Souad Sbai, Lnbq, 24.5.20).