usa

USA

Curioso Paese, gli Usa, «culla della democrazia». Due soli partiti, se uno vince l’altro sloggia. Cioè, ogni quattro anni il nuovo Presidente disfa quel che ha fatto il predecessore. E dei quattro anni ne governa solo tre, perché il quarto è interamente impiegato a cercare di farsi rieleggere. Gli americani amano la doccia scozzese. Bah, sarebbero solo problemi loro se, ahimè, non fossero anche nostri.

«Chi vuole può sostenere gli Antidoti cliccando sul bottone PayPal a destra nel sito o utilizzando questo link: www.paypal.me/rinocammilleri»

USA

Come ha ben descritto Gianandrea Gaiani su La Nuova Bussola Quotidiana del 13 giugno 2014, grazie allo shale-gas e allo shale-oil gli Usa sono diventati la prima potenza energetica del mondo e sono autosufficienti. Perciò il loro interesse, a questo punto, è che le regioni già produttrici di combustibile stiano in stato di permanente instabilità politica, così da fare le scarpe ai concorrenti economici (Russia, Ue, Cina, Giappone, India). Basta dare un’occhiata a Libia, Iraq, Siria, Ucraina, Afghanistan. E’ vero, alcuni di questi disgraziati luoghi non producono. Ma ci passano gli oleodotti. Sì, portare nella nostra parte di mondo il gas americano costerà un po’ di più, ma non c’è, e sempre meno ci sarà, alternativa. La pace, la democrazia, gli alti ideali? Agli americani sono sempre interessati i soldi e solo quelli. In fondo, li ammiro.

USA

Sul suo blog www.chiesa del 30 agosto 2012 il vaticanista Sandro Magister scrive: “Che l’ateismo sia tipico dell’Occidente è una leggenda smentita dai fatti. L’ultimo grande sondaggio mondiale della Gallup sul tema lo vede primeggiare in Cina, dove quasi metà della popolazione si dichiara atea, seguita a ruota da Giappone e Corea. In Europa la miscredenza è di casa in Francia, nella Repubblica Ceca e nell’ex Germania dell’Est, ma altrove registra quote contenute. E negli Stati Uniti è ai minimi termini, appena al 5 per cento della popolazione, nonostante il dirsi atei non sia più oggi uno stigma sociale come lo era in passato”. Poi fa notare: “Per la prima volta nella storia, le elezioni presidenziali del prossimo 6 novembre vedranno in corsa due cattolici per il ruolo di vice: Joe Biden con il democratico Barack Obama e Paul Ryan con il repubblicano Mitt Romney (…). Politicamente, vescovi e fedeli sono divisi, chi per Obama, chi per il mormone Romney. Nessuno chiede che i cattolici facciano corpo compatto, tanto meno formando un partito. Nessuno, da fuori, accusa di ingerenza i vescovi, cittadini alla pari. Nessuno invoca – come avviene ad esempio in Italia – una immissione organizzata dei cattolici in politica (…). Ciò che è caratteristico degli Stati Uniti è che questo vivace confronto avviene alla luce del sole, con prese di posizione pubbliche, sul contenuto dei problemi (…). In campo politico, i cattolici degli Stati Uniti semplicemente sono presenti tanto quanto ne sono capaci. Lo spazio pubblico è anche il loro, come lo è di tutti. La loro forza è di convincere, non di imporre”.